Che cos’è un ryokan?

ryokan

Si tratta di una locanda tradizionale, dove si dorme sui futon e la stanza è arredata in tipico stile giapponese, con sedie e tavoli bassi e armadi a scomparsa; in molti di essi è compreso il servizio in camera a colazione e a cena, dove vengono servite specialità locali cucinate al momento

Che cos’è un ryokan?

Un ryokan è un albergo tradizionale, che si può trovare sia in un’area urbana che in un paese di montagna. Alcuni sono situati in costruzioni del periodo Edo, fatti di legno, vetro, bambù, pavimenti di carta e stuoie tatami. Altri offrono un ambiente più moderno. Al loro interno sono rispettate alcune importanti usanze giapponesi. La più grossa sorpresa per molti stranieri  è che i bagni sono in comune: vasche termali con annesse docce. Quando fanno parte  di una località termale, i ryokan si chiamano onsen.

La maggior parte dei ryokandà molta importanza ai pasti, e nel prezzo della camera sono spesso incluse la colazione e la cena (come specificato negli elenchi). Questo è l’ideale  nelle città in cui i pochi ristoranti sono aperti si sera, ma altrove può essere una limitazione. Un altro possibile problema, specie per gli stranieri più anziani, è la tradizione giapponese di vivere al livello del pavimento, con sedie e letti senza gambe. Molti ryokan impongono un “coprifuoco” intorno alle 23, quindi prendete in anticipo accordi per le chiavi se prevedete di rientrare tardi.

L’arrivo in un ryokan

Generalmente, gli ospiti arrivano in un ryokan nel pomeriggio, per avere tutto il tempo per fare il bagno e cenare. Nei ryokan più grandi, potrebbe accorgliervi un portiere, ma in quelli più piccoli gli ospiti devono aprire la porta principalmente e dire “gomen kudasai” per annunciare il proprio arrivo. Non entrare nell’atrio finchè non arriva l’okamisan ( la proprietaria o la direttrice). A questo punto dovrete togliervi le scarpe e indossare le pantofole chi vi verranno date. Poi, prima di entrare in camera, dovrete togliervele e lasciarle fuori dalla porta.

Camere tipiche

Il pavimento delle camere è coperto di stuoie. In un angolo della stanza si trova un’alcova, chiamata tokonoma, talvolta con pergamene, fiori o altri manufatti pendenti. Si deve rispettare il tokonomura: niente valige, portaceneri o bevande. Vi sarà anche un tavolo basso circondato da cuscini (zabuton) o da sedie pieghevoli. Sul tavolo vedrete un vassoio con un servizio da tè  e, talvolta, dolci tradizionali (wagashi). Quando entrate in camera per la prima volta, il materasso e la biancheria per il futon saranno  riposti negli armadi e verranno sistemati la sera, quando voi sarete fuori dalla stanza.

Di solito, le camere sono dotate di televisione, condizionatore e/o riscaldamento e telefono. Dovreste trovare, in una scatola o in un cestino, un asciugamano che potrete portare nel bagno comune da usare per asciugarvi il viso. Un bagno esterno personale (rotenburo) è considerato un lusso. Una veranda, con un tavolo e sedie all’occidentale è più comune. Potrebbero esserci altre impronte occidentali. In camera, maneggiate gli oggetti con cura e, sul fragile tatami, camminate solo a piedi nudi o con le calze.

ryokan

Lo yukata

In camera, troverete vesti tradizionali, gli yukata. La maggior parte delle persone indossa lo yukuta per tutta la durata del soggiorno, perché gli ampi kimono di cotone sono il simbolo di riposo e tempo libero. Nelle località di villeggiatura e termali, vengono indossati anche fuori dall’albergo, con gli alti sandali di legno i geta. A volte, viene fornita anche una comoda giacca. Seguite l’esempio degli altri per capire dove e come indossare le vesti. Chiudete lo yakuta con il lembo sinistro sopra il destro. Per il buddhismo , il contrario simboleggia la morte è può turbare. Per chiudere la veste, usate la fascia obi fornita.

Bagni

Nei ryokan troverete almeno una vasca termale comune e un gabinetto all’occidentale o alla giapponese, o entrambi. In quelli più piccoli, con una sola vasca termale, gli orari di accesso possono essere diversi per uomini e donne. Nelle locande più grandi, i bagni sono separati con un ingresso per gli uomini e uno per le donne. I Bagni misti erano la norma, ma oggi sono molto rari. Il numero di persone che possono fare il bagno contemporaneamente dipende ovviamente dalla dimensione della vasca e dalla sala da bagno. Rivolgendosi all’okamisan se avete dei dubbi sui regolamenti, che variano da locanda a locanda. La sala da bagno ha uno spogliatoio, una doccia bassa o i rubinetti e una grande vasca. La prima regola da osservare è quella di passare sotto la doccia prima di entrare nella vasca, che non serve per lavarsi ma solo per rilassarsi. La stessa acqua è usata da altri ospiti, quindi viene considerato estremamente maleducato sporcare l’acqua con il corpo non lavato o con il sapone e lo shampoo.

ryokan

Pasti

I pasti vengono serviti a volte in una sala da pranzo, ma più spesso in camera, da una cameriera o dall’ okamisan. Più la locanda è esclusiva, più è probabile che i pasti saranno serviti in privato. Di solito, la sera, la cena viene servita presto. A seconda della situazione, okamisan potrebbe restare per un pò a descrivervi i piatti, a spiegarvi come dovrebbero essere mangiati, e a chiacchierare. Oppure vi lascia soli, e torna solo per sparecchiare.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: