Il 7-Eleven portafortuna

Street Fighter II
Parodia di Street Fighter II
gennaio 17, 2017
Insegnante minaccia studenti con il “Death Note”
gennaio 21, 2017

Il 7-Eleven portafortuna

7-eleven

7-Eleven è una catena di convenience-store (conbini) giapponesi, ossia dei piccoli supermercati dove potete trovare qualsiasi genere di prima necessità. Uno di questi 7-Eleven è stato soprannominato “il conbini inaffondabile”. Ma perché?

L’8 novembre 2016, come molti di voi sapranno, a Fukuoka si è aperta una voragine in mezzo alla strada, che miracolosamente non ha causato alcun danno a persone e, cosa ancora più sorprendente, è stata riparata in pochissimi giorni.

Un evento del genere potrebbe essere una catastrofe per i negozi che si trovano nelle vicinanze, soprattutto dopo le numerose foto che sono state scattate nella zona e che mostrano chiaramente il 7-Eleven chiuso al pubblico: infatti, il conbini è dovuto rimanere chiuso per circa due mesi e ha logicamente perso una buona parte dei suoi introiti. Tuttavia, è avvenuto qualcosa di inaspettato e sorprendente.

7-Eleven

 

In quel periodo moltissimi studenti giapponesi si trovavano alle prese con gli esami di ammissione universitari. Gli studenti generalmente sono molto superstiziosi e si affidano a rituali di vario genere per ottenere buona fortuna ed evitare possibili fallimenti, come ad esempio comprare barrette di Kit Kat. Vi chiederete… ma cosa c’entra? Ebbene, Kit Kat pronunciato in giapponese suona come Kitto Katsu (きっと勝), ovvero “vincere sicuramente”; questo li rende dei veri e propri amuleti portafortuna! E dove vendono venduti questi portafortuna cioccolatosi? Proprio nei conbini, e quindi nei 7-Eleven.

Le foto che apparivano ovunque sui giornali e sui siti giapponesi mostravano dunque un piccolo 7-Eleven che si ergeva incurante di fronte a una voragine… perciò molti studenti hanno pensato che potesse essere una buona idea andare a visitarlo per avere un pezzo di quella fortuna che sembrava aver salvato il negozio.

Il 7-Eleven di Fukuoka ha recuperato le perdite finanziarie in men che non si dica.

E gli studenti sono stati tutti ammessi nelle università più prestigiose. No, sto scherzando 🙂 Per quanto riguarda questo credo che non serva solo fortuna ma anche tanto sano impegno. Nel dubbio comunque potete contare sui Kit Kat.

Fabio Lo Cascio
Fabio Lo Cascio
Trentenne appassionato del Giappone e di anime, dorama e action figure. Dopo vari viaggi nella terra del Sol Levante, tra cui anche il mio viaggio di nozze (a Okinawa), la mia collezione di action figure è aumentata vertiginosamente. Il conto corrente è diminuito di pari passo :-D

Rispondi