Dopo gli impiegati che si sono auto-accoltellati per non andare al lavoro, ecco un altro folle: l’uomo motosega che ha minacciato un fattorino!

Ci troviamo a Iga, una città della prefettura di Mie famosa per essere la patria dei ninja… e a quanto pare anche dell’uomo motosega. Il suo vero nome è Kazuki Hasegawa e ha avuto la fantastica idea di minacciare un fattorino della compagnia Yamato Transport per via del ritardo nella consegna di un prodotto ordinato su Amazon.

Il problema è che si è anche filmato con il suo smartphone e ha postato il video sul suo canale YouTube.

Secondo la Yamato Transport, il pacco era già stato recapitato una volta ma il proprietario non era in casa, perciò lo hanno dovuto riportare in ditta e attendere di effettuare una nuova consegna. Furioso per il ritardo, il signor Hasegawa si è recato presso la sede dell’azienda ma non ha trovato nessuno e ha quindi cominciato a perdere la pazienza; appena si è palesato un dipendente, l’uomo ha tirato fuori la sua motosega ed ha iniziato ad urlargli contro, accusando la compagnia di “consegna fraudolenta” e intimando il povero malcapitato di dargli subito il suo pacchetto.

Ecco il video di quel momento tragi-comico:

L’impiegato gli ha consegnato il prodotto scusandosi umilmente, al che Hasegawa ha pagato quanto dovuto e se ne è tornato a casa con la sua motosega da bravo ragazzo.

Da bravo ragazzo infatti qual è, e da bravo YouTuber, ha anche fatto un bel video dell’unboxing del prodotto che ha ricevuto (per la cronaca, un router che può gestire più SIM card contemporaneamente) e si è quindi mostrato di nuovo con la motosega in bella vista. Non so voi, ma io sto morendo dal ridere mentre scrivo!

Ovviamente la polizia ha fatto 2+2 e ha recuperato i dati del furbone, arrestandolo dopo poche ore.

Al processo, l’accusa ha chiesto un anno e mezzo di prigione per aver commesso volontariamente un atto violento allo scopo di aumentare le visualizzazioni sul suo canale YouTube; sì perché tra l’altro il nostro amico è uno YouTuber piuttosto famoso e grazie al suo canale che gestisce da circa 7 anni ha guadagnato qualcosa come 450.000 Yen. Tuttavia, Hasegawa ha negato di averlo fatto per ottenere maggiore popolarità, ma di essere invece veramente arrabbiato e di aver avuto bisogni di sfogare le sue ire in quel modo, scusandosi anche in un successivo video con tutto lo staff della Yamato.

uomo motosega

Al momento sta aspettando la sentenza che avverrà il 22 marzo e non si sa ancora come andrà a finire. Ci sono però due punti certi:

  1. l’accusa è sicura del fatto che il video sia stato girato di proposito perché Hasegawa ha volontariamente oscurato il volto dell’impiegato, cosa che si sarebbe forse dimenticato di fare se fosse stato accecato dall’ira come ha invece dichiarato;
  2. non sarebbe la prima volta che in Giappone qualcuno la faccia franca per un atto di “tentato omicidio” se mostra un sincero pentimento ed è disposto a fare i dovuti risarcimenti.

Non c’è che dire, stiamo a vedere cosa succederà…

 

 

 

 

Related Post

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: