Esperienza di vita: vivere in Giappone a costo zero

squid app
Da oggi siamo anche su Squid App!
Aprile 3, 2019
lingerie di lamù
La lingerie di Lamù è super sexy… o no?
Aprile 4, 2019

Esperienza di vita: vivere in Giappone a costo zero

esperienza di vita

Tante volte si pensa al viaggio in Giappone come ad una spesa insostenibile, un’esperienza di vita che non riusciremo mai a fare per via dei soldi o della lingua che non conosciamo. Mai come oggi questo tipo di pensiero è assolutamente sbagliato, e lo potete constatare voi stessi. In primo luogo, i voli per il Giappone non sono più carissimi come un tempo, e lo dimostrano le tantissime offerte tra cui anche quelle di Alitalia, che ormai sono all’ordine del giorno e vi offrono un volo completamente italiano per andare nel paese dei vostri sogni a prezzi irrisori. Inoltre, e forse questa è una cosa di cui non molti sono a conoscenza, esistono siti appositi per recarsi in Giappone (così come in altre parti del mondo) per offrire il proprio aiuto e ottenere in cambio ospitalità e un pagamento in denaro. In pratica, viaggiate a costo zero.

Stiamo parlando di viaggiare come volontari, ovvero di lavorare in Giappone presso privati che offrono alloggio e uno stipendio in cambio del vostro aiuto per svariate attività: agricoltura, aiuto nelle mansioni di casa (non case private ovviamente ma ostelli o guest house che cercano persone disposte a dare una mano nell’attività), insegnare inglese, e così via.

UN VIAGGIO CHE DIVENTA ESPERIENZA DI VITA: CI AVEVATE MAI PENSATO?

Al momento in cui vi scrivo, sto seriamente valutando l’opportunità di poter fare un’esperienza del genere nel mio prossimo viaggio in Giappone!

I siti in cui potete informarvi e vedere direttamente questo tipo di offerte di lavoro sono principalmente 3:

  1. WORKAWAY
  2. HELPX
  3. WORKINGCOUPLES

Abbiamo avuto la fortuna di poter intervistare una coppia che ha preso questa decisione e ora vive in Giappone, più precisamente nella Valle di Iya, nello Shikoku. Si tratta di Amy e Devin, di nazionalità Inglese e Americana, una giovane coppia che ha risposto ad uno di questi annunci e ora presta il proprio lavoro in cambio di un alloggio in questa fantastica valle immersa nella natura. I due ragazzi gestiscono un meraviglioso account di instagram, @iyavalleyjapan, dove potete seguire le loro storie quotidiane e scoprire come passano le giornate.

Vi riportiamo qui la nostra intervista:

DOVE SI TROVA LA VALLE DI IYA?

La Valle di Iya (祖谷) è una zona remota nell’isola di Shikoku. E’ una regione molto poco conosciuta anche tra i giapponesi, figurarsi tra i turisti stranieri! Tuttavia è un posto meraviglioso pieno di storia e cultura.

QUALI SONO LE PRINCIPALI ATTRATTIVE DELLA ZONA?

I vigneti che costeggiano il fiume che attraversa la valle sono una delle principali attrazioni, ma vi sono anche sorgenti termali naturali e case tradizionali con tetti di paglia. Inoltre ci sono eccellenti percorsi per fare trekking e percorsi con le corde tra gli alberi, e c’è anche la possibilità di fare rafting ad alto livello. Insomma, ce n’è per tutti i gusti e di certo non ci si annoia!

COME AVETE DECISO DI FARE QUEST’ESPERIENZA?

Dal momento che è un posto così isolato, spesso ci chiedono come hanno fatto due viaggiatori come noi a finire in una vecchia fattoria di Higashi-Iya, e che cosa facciamo qui. In realtà è molto semplice: siamo in viaggio da quasi 6 anni e siamo alla costante ricerca di nuove opportunità e lavori diversi in tutto il mondo, incluso il lavoro come volontari in cambio di vitto e alloggio (qualcuno di voi avrà sentito parlare del WWOOFing). Nel tempo, abbiamo trovato vari siti per ricercare queste particolari oppurtunità (HelpX, Workaway, Workingcouples…), che teniamo sempre sott’occhio. Durante la nostra permanenza nei Caraibi abbiamo dato un’occhiata ai nuovi post e abbiamo letto un’offerta interessante nella Valle di Iya per una casa che aveva bisogno di ristrutturazione. Una settimana più tardi abbiamo prenotato i voli e siamo arrivati in Giappone!

QUALI SONO LE VOSTRE ATTIVITA’ GIORNALIERE?

Le nostre giornate sono piene di attività: giardinaggio, costruzione e manutenzione generale nel nostro piccolo borgo di montagna. Non ci è voluto tanto tempo prima che ci innamorassimo di questa parte del Giappone che è rimasta inalterata nel tempo, e mostrare al mondo com’è la nostra casa temporanea è diventata la nostra missione! (Soprattutto su Instagram).

COME SI RAGGIUNGE LA VALLE DI IYA?

Anche se all’inizio sembra difficile arrivarci, ci sono molte opzioni, quindi non escludetela a priori dal vostro viaggio! Ci sono autobus in partenza da Osaka e da tutti i capoluoghi dello Shikoku diretti a Awa-Ikeda, da cui si può prendere un treno o un altro autobus che raggiunge la valle. Ci sono anche 3 aeroporti a meno di due ora di distanza in auto, che consentono di viaggiare a basso prezzo da/verso Tokyo. Tuttavia, il modo migliore di raggiungere la valle è sicuramente la macchina, perché vi dà la libertà di esplorare l’area a vostro piacimento. Se arrivate con i mezzi pubblici, comunque, potete fare affidamento sui taxi o sugli autobus che portano alle principali attrative turistiche.

DOVE SI PUO’ ALLOGGIARE COME TURISTI NELLA VALLE?

Se decidete di raggiungerci, ci sono possibilità per tutte le tasche: campeggi e ostelli per chi vuole rimanere in un viaggio a basso costo, hotel con onsen private e lussuose che accontenteranno il viaggiatore più esigente. Spesso i turisti visitano la Valle di Iya solo per un giorno, ma questo non dà la possibilità di apprezzare a pieno tutto ciò che la valle ha da offrire. Vi suggeriamo di passare qui almeno 3 giorni per godervi davvero l’esperienza!

…………………………..

Se siete rimasti colpiti da questa storia e vorreste fare come Amy e Devin, non vi resta che partire all’avventura!

NB: L’iscrizione a Workaway costa 36€ all’anno, mentre HelpX è gratuito ma per visionare la maggior parte degli annunci è richiesto un pagamento (20€ l’anno circa).
Esperienza di vita: vivere in Giappone a costo zero ultima modifica: 2019-04-04T12:11:05+00:00 da Irene Vicari
Irene Vicari
Irene Vicari
Laureata in Lingue per la comunicazione internazionale, con specializzazione in lingua giapponese; traduttrice free-lance e divoratrice di contenuti digitali e cartacei a tema Giappone. Ho anche lavorato in Giappone e ci torno ogni volta che posso per esplorare nuove zone.

Commenta