polymer clay

Polymer clay: 5 creazioni a tema Giappone

Polymer Clay e Giappone: un’accoppiata vincente, dato che la pasta modellabile permette di dare sfogo alla propria fantasia e a tutta la creatività possibile, quindi quale miglior soggetto per trarre ispirazione se non il mondo degli anime e dei videogame giapponesi?

La cosiddetta “polymer clay” è un’argilla (o pasta) polimerica, ossia un composto modellabile che si indurisce con il calore, di solito tramite cottura al forno.

Tra le più utilizzate troviamo la FIMO, che è stata creata dall’azienda Staedtler. Viene venduta in panetti già colorati, oppure colorabili tramite apposite vernici acriliche.

In Giappone è possibile acquistarla anche nei 100 ¥ shop come Daiso; più in generale, viene venduta nei negozi di modellismo o nelle cartolerie specializzate.

PER USARE IL POLYMER CLAY CI VUOLE GRANDE CREATIVITA’

Sul web è possibile ammirare creazioni davvero incredibili e, tra quelle che più mi hanno colpito, sia per l’originalità che per la bellezza e la cura dei dettagli, sicuramente spiccano le opere di ネンドザイカーSNAIL (Nendo zaikā SNAIL). Tuttavia, se fate una ricerca su YouTube ne troverete davvero per tutti i gusti, dai più dettagliati e complicati a quelli più carini e minuscoli.

Tra i soggetti preferiti troviamo personaggi degli anime, bambole kokeshi, Pokémon, geisha, case in miniatura, cibo giapponese… Un’infinità di creazioni che richiedono tempo, pazienza e un’ottima manualità, nonché una bella dose di creatività.

Per quanto mi riguarda, ecco le mie 5 creazioni in polymer clay preferite:

  1. Giardino giapponese in miniatura.

Si tratta di un mini giardino giapponese dotato di una lanterna funzionante. Viene anche riprodotto l’effetto dell’acqua tramite un apposito materiale trasparente che si solidifica senza creare bolle d’aria.

Bellissimo ed elegante, può essere usato come decorazione anche in una casa in stile occidentale: immaginatelo sopra un comodino antico oppure su un tavolo moderno al centro del vostro salotto! Un elemento d’arredo unico nel suo genere.

  1. Il santuario giapponese dimenticato.

Un vero e proprio capolavoro, impossibile non rimanere incantati di fronte alla maestria del creatore. Non solo dettagli pazzeschi, ma anche l’effetto della profondità dell’acqua e il mostro marino sommerso, inserito alla perfezione in un’ambientazione fantastica ma incredibilmente verosimile…

Devo essere sincera, questo avrei paura anche solo a sfiorarlo, perciò credo che lo metterei in una vetrinetta chiusa a chiave o con una combinazione segreta conosciuta solo da me, e la cui copia conserverei in una cassaforte a prova di bomba. Ditemi che non sono pazza!

  1. Jotaro Kujo.

Non credo ci sia niente da aggiungere: pazzesco, sotto tutti i punti di vista. Va a finire nella vetrinetta con il santuario giapponese, ovviamente.

  1. Nezuko di Kimetsu no Yaiba.

Bellissima. Guardate i colori! E poi quanto è carina con i dango in bocca e seduta sulla panchina di un tempio con l’ombrello rosso… Inutile, Nendo zaikā SNAIL è ufficialmente la mia nuova droga. 

  1. Infine, il mio preferito in assoluto: il concerto di alcuni dei personaggi più carini di Animal Crossing: New Horizons!

Qui va proprio a toccarmi il cuore: Ovilio, Toppetta, Raimondo e Poldo di New Horizons sono tra i miei preferiti in Animal Crossing, e il fatto che siano riprodotti come membri scatenati di una band in concerto me li fa amare ancora di più!

ANIMAL CROSSING E JOJO UN’OTTIMA FONTE D’ISPIRAZIONE

Il mondo di Animal Crossing si presta davvero bene in generale ad alimentare la creatività, come abbiamo potuto constatare anche per i personaggi vestiti come i personaggi di Le Bizzarre Avventure di Jojo.

Cosa ne pensate? Avete mai provato a cimentarvi nella creazione di opere, anche non con questo tipo di materiale? Fateci sapere nei commenti e inviateci le foto delle vostre opere se vi fa piacere!

Vuoi conoscere gli ultimi articoli di Dreaming Japan non appena pubblicati? Seguici su Facebook, Instagram e Pinterest.

TI POTREBBE INTERESSARE

PRENOTA IL TUO HOTEL Booking.com

Default image
Irene Vicari
Laureata in Lingue per la comunicazione internazionale, con specializzazione in lingua giapponese; traduttrice free-lance e divoratrice di contenuti digitali e cartacei a tema Giappone. Ho anche lavorato in Giappone e ci torno ogni volta che posso per esplorare nuove zone.
Articles: 95

Leave a Reply