>
ppap pikotaro

PPAP Pikotaro ritorna per una buona causa

PPAP Pikotaro, un tormentone del 2016 ritorna dopo 4 anni per una buona causa.

Infatti il famoso Pikotaro, nome d’arte di Kazuhiko Kosaka, ha deciso di riadattare la sua canzone con nuove parole e un nuovo significato, adatto all’attuale situazione.

Nel nuovo video intitolato PPAP 2020, rilasciato il 6 aprile di quest’anno, Pikotaro appare con il solito look che lo contraddistingue:

  • abbigliamento totalmente leopardato,
  • baffi disegnati,
  • parrucca in testa,
  • occhiali da sole!

Insomma, un outfit di tutto rispetto che però sembra adattarsi poco all’attuale condizione di paura che bene o male tutti noi stiamo provando. O forse è proprio quello di cui abbiamo bisogno?

PPAP PIKOTARO: UN NUOVO MESSAGGIO SOSTIUTISCE PEN, PINEAPPLE, APPLE PEN

I protagonisti della canzone non sono più la penna, la mela e l’ananas nel famoso ritornello Pen Pineapple Apple Pen: ora abbiamo le mani e il sapone, e Pikotaro ci invita a lavare, lavare, lavare, ossia wash, wash, wash!

Lo slogan finale, infine, è Pray for People And Peace, una preghiera per il miglioramento della salute mondiale, da fare assolutamente con le mani ben pulite.

Il video ha quasi raggiunto un milione di visualizzazioni, nulla in confronto al precedente che ne totalizza ad oggi ben 319 milioni, ma sicuramente i numeri sono destinati ad aumentare.

Tanti comici in questo periodo cercano di strapparci un sorriso e molte celebrità vogliono sensibilizzare il pubblico invitandoci a compiere azioni che sembrano scontate, ma forse non per tutti lo sono. Anche Pikotaro è stato ben accolto dal pubblico giapponese, in quanto la canzone è facile da ricordare e può essere divertente anche per i bambini.

Vuoi conoscere gli ultimi articoli di Dreaming Japan non appena pubblicati? Seguici su Facebook e Instagram.

Lascia un commento e condividi l’articolo.

Fonte: YouTube, Pikotaro Channel

PPAP Pikotaro ritorna per una buona causa ultima modifica: 2020-04-06T11:49:39+00:00 da Irene Vicari
Booking.com
Leave a Reply