Stop all’sportazione di anime e manga originali?

ranma
Apre il Ranma 1/2 cafè a Tokyo!
gennaio 16, 2018
bambino
Bambino! (バンビーノ! Banbīno!?)
gennaio 31, 2018

Stop all’sportazione di anime e manga originali?

esportazione

Brutte notizie per i collezionisti di anime e manga: i politici giapponesi stanno discutendo un possibile blocco dell’esportazione di prodotti mediatici al di fuori del Giappone.

Lo scopo di questa possibile scelta? Preservare il materiale anime/manga dall’uscita dal Paese e dal conseguente impoverimento del patrimonio culturale giapponese.

esportazione

Per fermare l’esportazione di tali prodotti si pensa di creare un’istituzione chiamata Centro Nazionale delle Arti Mediatiche.

Questo centro avrà il compito di raccogliere e catalogare anime e manga genga, termine che significa “produzione originale”, ossia le tavole originali dei manga o i bozzetti realizzati sui rodovetri (fogli di acetato) nel caso degli anime. Essi sono considerati “tesoro nazionale del Giappone”, perciò bisogna prevenire che abbandonino la nazione dove questi prodotti hanno preso vita.

In realtà esiste già un centro simile che si trova a Kyoto, ed è il Museo Internazionale dei Manga, che si occupa di preservare i materiali legati ad anime e manga.

Tuttavia, la nuova istituzione che si intende creare sarebbe molto più forte perché potrebbe aggirare le restrizioni legali sui materiali digitali in virtù della protezione degli stessi.

Il centro rimarrebbe comunque aperto ai visitatori che potrebbero visitarlo gratuitamente e ammirare i pezzi unici della collezione.

Si apre però un’importante discussione: manga ed anime sono arrivati ad un tale livello di popolarità proprio perché sono arte di consumo, ovvero perché esistono persone disposte a pagare per usufruirne; se si elimina questa possibilità di acquisto, si riduce drasticamente il flusso degli introiti dell’industria dei media.

esportazione

Infine, oltre al danno, la beffa: se davvero dovesse essere bloccata l’esportazione dei prodotti mediatici, il Centro Nazionale sarà collocato nella zona di Akihabara, il quartiere simbolo degli otaku.

E voi cosa ne pensate? Trovate giusto proteggere il valore nazionale di anime e manga a costo di escluderlo dal mercato dei collezionisti internazionali?

Fonte: rocketnews24

Stop all’sportazione di anime e manga originali? ultima modifica: 2018-01-20T16:33:26+00:00 da Fabio Lo Cascio
Fabio Lo Cascio
Fabio Lo Cascio
Trentenne appassionato del Giappone e di anime, dorama e action figure. Dopo vari viaggi nella terra del Sol Levante, tra cui anche il mio viaggio di nozze (a Okinawa), la mia collezione di action figure è aumentata vertiginosamente. Il conto corrente è diminuito di pari passo :-D

Commenta

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: